sabato 30 novembre 2013

La questione dell'anno di ogni anno

Come ogni anno da che ne abbia memoria, anche quest'anno -con un tempismo impressionante- mi viene coattamente sottoposta la solita annosa questione: 


COSA FACCIAMO L'ULTIMO DELL'ANNO?

Per essere precisi, è una questione onnipresente a partire dal 2 gennaio, ma inizia a esser ricorrente più o meno dopo il 15 di agosto, della serie famoje sentì 'a presenza, fino a diventare decisamente molesta a fine novembre. Ora, all'alba del 30 novembre, io non so neanche dove sarò stasera, figuriamoci se so dove sarò tra un mese!
Io non lo so, ma data l'ansia dei soliti 4 che iniziano a bombardarti di messaggi per chiedere che si fa a capodanno, ho chiesto in giro se sono io che sono esagerata al contrario o loro che pare vivano solo per festeggiare gli anni che passano: ecco, lo sapevo, sono loro

Inciso: io vivo fuori casa e fuori dalla mia un tempo odiata (causa troppa vicinanza) ora amata (causa troppa lontananza) città natale, ci torno più o meno 2 mesi all'anno (sommando tutto) e per il resto dell'anno mi gestisco un po' come mi pare (soldi ed esami permettendo).
Interfacciandomi con circa 100 persone al giorno tra conoscenze vecchie e nuove, giro come una trottola per mantenere i contatti con tutti quelli con cui mi interessa mantenere i contatti (che non pensavo fossero molti ma chiaramente più passa il tempo più le persone davvero interessanti o care conosco, per quanto pur sempre una minoranza, si accumulano e aumentano) e trovo pure il tempo per farmi un culo così con le incombenze universitarie  (anche perché sennò dovrei ritirare di corsa una notevole somma di denaro-che non sono sicura al 100% di trovare- e fuggire in Argentina prima che MioPadre se ne accorga e mi richiami all'ordine con misure che la Trojka al confronto fa ridere). 
Si capisce che quelle 2 volte l'anno che vado a casa mi piace stare a casa. Ohhhh, l'ho detto!

Quando poi rispondo che io organizzerei volentieri una festa in loco, per stare tutti insieme in allegria, ridere bere e scherzare e fare davvero il cazzo che ci pare senza tante rotture di balle, ricevo sempre la solita replica:
MA IO L'ULTIMO DELL'ANNO LO VOGLIO FARE FUORI!

Ma vuoi andare fuori a fare che? Ma soprattutto dove? 
Solitamente la proposta è la solita meta a metà strada, perché le mete più lontane a quest'ora sono già tutte piene o comunque hanno prezzi gonfiati; qui invece si può stare una notte e poi ritornare: Bologna, Firenze, Milano. 
Va bene, ammettiamo che andiamo a Bologna: cosa vuoi fare a Bologna la notte dell'ultimo dell'anno? Girare, brindare, stare in piazza.
Ora, a parte che a Bologna la notte dell'ultimo dell'anno ci sono -3 gradi se ti va bene e quindi se non stai vigile o non ti chiudi in un posto pieno di fumo e riscaldamento rischi che qualcuno del gruppo muoia assiderato mentre si china ad allacciarsi la scarpa, ma soprattutto: perché devo sorbirmi un cenone stra esoso in un ristorante a caso, i comi etilici delle 10 di sera, il freddo becco e soprattutto la folla casinara e molesta e senza uno scopo che lancia bottiglie e vomito a mezzanotte e uno?
Cioè, se mi voglio ubriacare, drogare, scopare, perché devo complicarmi la vita, quando posso farlo tranquillamente a casa e divertirmi pure di più, a costo e km zero?

Ok, capisco che io sto sempre fuori e tu no, e hai bisogno di staccare un po', ma se quello è il problema torna a Roma con me la settimana dopo. Oppure facciamoci un week end a Siena prima che me ne vada. O prenotiamo il volo più low cost di ryan air per una data a caso e partiamo.
Oppure Vendola. Ma ora anche no.
No. Perché non è capodanno. Perché a capodanno si deve fare qualcosa di diverso. 
Adesso -sedetevi preventivamente- dirò una cosa pesante:

L'ultimo dell'anno e capodanno sono due giorni esattamente come gli altri. Punto.
sì, lo so: incredibile, vero?

Attenzione, chi si è seduto rimanga seduto, perché le cose pesanti continuano:
-Se vuoi davvero andare via, andare da qualche parte, fare un viaggio, non hai bisogno che sia capodanno. 
-Se vuoi stare con gli amici perché è una vita che non riesci a radunarli tutti, non c'è modo migliore che trovarsi tutti in una casa e fare caciara insieme; ché nella folla di una città si è troppo presi a non perdersi d'occhio e a non perdere la borsa per godere davvero della presenza l'uno degli altri. Anche questo si può fare in altri giorni dell'anno, e infatti lo facciamo sistematicamente ogni volta che riusciamo a trovarci tutti.
-Se però senti l'esigenza di fare gruppo e andare in qualsiasi posto non sia casa solo in funzione del 31 dicembre, allora c'è qualcosa che non va. 
Per carità, l'uscita a tutti i costi l'ho praticata per anni: rientra nel quadro sociologico della ricerca dell'ultimo dell'anno più figo del mondo, che a sua volta è sottogruppo del guarda, io sì che faccio le cose più fighe del mondo. (poi c'è il MioUomo, che predica da anni che il fare ultimo dell'anno in famiglia coincide con la cosa più figa del mondo, ma vabbè).

Poi un anno sono finita a casa della Vecchia Orange (perché ok, che siamo un po' vecchie dentro ce lo diciamo da sole), io&lei lei&io,  a vedere Bangkok love story e a brindare in due ad una festa nerd dove facevamo le tardive fighe ospiti d'onoreper fare le 4 e svegliarsi alle 2 ancora ciucche: non mi sono mai divertita così tanto. Senza pensieri e senza problemi. Un anno partito alla grande.
Allora ho capito che non serviva strabattermi per avere il divertimento di cuore che cercavo.

Ma, come dice il buon Guccini, ti accorgerai da sola che la noia di un altro non vale. Per cui, se vuoi andare più o meno lontano, io ti voglio bene lo stesso.
Intanto, io e la Vecchia Orange (e chiunque si voglia unire) tiriamo giù dalla soffitta tabù e un buon film e teniamo in fresco lo spumante.
Ed ecco fatto il mio ideale ultimo dell'anno.



PS: Sarò anche vecchia dentro, ma quanto mi diverto!







4 commenti:

  1. Se ti può consolare, io non so nemmeno tecnicamente in quale regione sarò, per l'ultimo dell'anno/capodanno XD
    In ogni caso, starò con amici!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, ma perché il bello è organizzarsi all'ultimo momento...io come ogni anno aspetto la soluzione last minute ;)

      Elimina
  2. natale con la famiglia a casa e sto. troppa fatica fare altro. Platypus in essere settantenni inside.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhh Platypus, almeno tu mi capisci :)

      Elimina